Sala Stampa F1

MCL35M – Tech Inside.

La Mclaren, quella capace di essere come la Mercedes degli ultimi anni, se non dell’ultimo ciclo tecnico regolamentare. Quella di Ayrton, Ron, della sperimentazione del primo monoscocca in carbonio, per la cellula abitacolo/sopravvivenza. Quella Mclaren che ha conquistato il cuore di milioni di fan della F1.

Ecco, dov’è la Mclaren oggi, come è messa per dirla breve.

La MCL35 vista nel mondiale 2020 è stata capace di ottimi risultati, una performance in crescita costante, stabile e soprattutto molto importante capace di ripetersi.

Nel 2021 Mclaren ha ritrovato una “vecchio” amico di nome Mercedes M12 E Performance, Power Unit, che potrebbe garantire al Team di Woking, quell’extra di potenza necessaria a far emergere i punti di forza di un ottimo telaio e pacchetto aerodinamico.

MCL35M Muso con separazione dei flussi tramite Cape.

La Mclaren nei test del Bahrain si è presentata in gran forma, solida non mostrando sbavature, in pista, una vettura nata bene. L’attenzione ricaduta sul diffusore, con una soluzione innovativa e non seguita da altri finora. Il concetto, sfruttando la continuità dei profili concessa nel regolamento, due deviatori di flusso canalizzati verso il centro del diffusore. Soluzione che a mio avviso ha una maggiore efficienza con auto con un Rake maggiore.

Punto 1 Zona in cui il piano di riferimento e il piano dei due profili (nella immagine in alto gialli) si intersecano, per come detto prima, sfruttare la continuità dei profili lineari.

Da sottolineare l’accurato lavoro di installazione della PU Mercedes, un cofano motore molto ben rastremato nella zona cocacola, e con un andamento delle fiancate molto lineare e pulito. Non presenta, come Mercedes e AstonMartin, il “bulbo” su di esso.

Anteriore

La MCL35M porta con sé miglioramenti dal punto di vista aerodinamico e meccanico.

Turning Vanes che vanno a collegarsi al cape sotto il muso, nuove brake duct anteriori, nuovi bargeboard.

Durante i test Bahrain oltre a diverse prove comparative con ala posteriore con una configurazione da alto e medio carico, si sono visto anche alcuni upgrade ai deviatori di flusso sul fondo, in prossimità delle ruote posteriori.

La McLaren si appresta ad affrontare questa stagione con un nuovo pilota un Daniel Ricciardo, pronto più che mai a schiodare il Team da un record pessimo di ultima vittoria nell’ormai lontano 2012 a Interlagos.

Fulvio Vigilante

©Riproduzione Riservata

Deja un comentario