Sala Stampa F1

C41 AlfaRomeo Racing 2021 al microscopio.

L’analisi che segue riguarda la parte anteriore dell’auto, il retrotreno al momento è un trasferimento di compenti della C39 del 2020.

Evoluzione della sospensione anteriore Brake Duct (presa d’aria freni) triangolo superiore leggermente più in alto rispetto alla C39, il tirante della push rod si differenzia molto nella parte terminale (punto 1) presentando una netta somiglianza con quello visto sulla W11 Mercedes nel 2020 (punto 2). Interessante evoluzione della Brake Duct anch’essa d’ispirazione Mercedes, ma con una diversa disposizione dei canali interni.

Il lavoro sulla C41, si è concentrato sull’anteriore muso, più stretto con un’accentuata differenza tra zona di ancoraggio e scocca, proprio nei punti di ancoraggio del musetto come mostrato nella seconda immagine (punti 1 e 2) si nota la diversa disposizione di questi.

L’ala anteriore ha il piano principale con un profilo dalle forme più accentuate; per quanto riguarda i flap non ci sono grossi cambiamenti se non in una diversa inclinazione verso la parte centrale dell’ala, segno di una ricerca di maggior carico all’anteriore. E proprio in funzione di ciò che la modifica del muso come detto più stretto, entra in gioco; la ricerca di una maggior stabilità all’anteriore viene anche dal portare quanto più avanti possibile il piano aerodinamico del CAPE, quasi a volerlo collegare alla parte iniziale del muso.

Vedremo se tali modifiche aiuteranno il team a migliorare le performance della scorsa stagione e a poter dare sia a Kimi Raikkonen e ad Antonio Giovinazzi una vettura in grado di lottare a centro gruppo.

Fulvio Vigilante