Sala Stampa F1

Austin, crocevia iridato. Il trittico di gare americane potrebbe già portare all’assegnazione del Titolo Mondiale Piloti!

Tu vuò fà l’americano, recita una mitica canzone nostrana, che ben identifica cosa attende il Circus che torna dopo un anno di assenza causa Covid dall’altra parte dell’Atlantico per correre in Texas, Messico e Brasile, gare che, secondo mie calcoli che qualcuno credo non voglia nemmeno immaginare (i piloti interessati….), indicano che qualora Hamilton non raccolga punti oltre oceano, Verstappen potrebbe levare lo scettro a Luigi VII e Mercedes già ad Interlagos, mentre l’attuale sovrano della F1, Hamilton, sarebbe in grado di fregiarsi del titolo nel nuovo GP del Qatar se l’Olandese Volante inciampasse in un triplice 0 nella trasferta nelle Americhe.

Ma il Mondiale 2021, a 6 gare dal termine, ci consegna una lotta per i titoli ancora apertissima, in equilibrio, e visto che gli zeri in pagella sono arrivati soprattutto per uno dei due galletti a causa di zuffe e botti con l’altro driver dominante, beh, mi sa che l’ipotesi più probabile sia quella che il sultano di questa stagione venga incoronato in una delle due nuove tappe previste nel Golfo Persico, su tracciati inediti, nelle rutilanti notti arabe, se non addirittura nell’ultimo appuntamento quasi sotto l’albero di Natale in quel della rimodellata Abu Dhabi.

Il Circuit of the Americas pare possa essere accreditato come asfalto di conquista favorevole a Mercedes, l’altitudine di Città del Messico ed i trascori paiono indicare Redbull come papabile alla vittoria, mentre tra i laghi di San Paolo il pronostico resta incerto. Ma decisivi, credo, saranno i “secondi”, i compagni di squadra non sempre utili alla causa di MadMax e Hamilton, causa prestazioni alterne, qualifiche deludenti (Perez) e domeniche insipide (Bottas).

Il parco macchine a disposizione dei contendenti è di prim’ordine, hanno già smarcato nuove power units, chi intere e chi a metà; l’affidabilità delle rispettive monoposto pare solida per quanto visto sinora, ma si sa che se i duellanti sono stati richiamati all’ordine dopo eccessive e dannosissime insubordinazioni nella lotta all’ultima sterzata, qualche guaio tecnico potrebbe essere dietro l’angolo.

Là dove Lewis vinse il sesto Mondiale nell’ultima apparizione della Formula 1 nella capitale texana (e mia ultima presenza in occasione di una gara iridata…) e dove Verstappen non sempre si è trovato a suo agio, si apre una tripletta di GP con vista ai titoli marche e piloti che, salvo il possibile ma difficile inserimento di terzi incomodi nella disfida tra i due drivers più vincenti dell’ultimo lustro, potrebbe servire la prima match-race al Campione 2021. Che poi, matematicamente, fino ai 2 ferraristi, tutti i piloti nella parte alta della classifica individuale possono vantare chances iridate. Ma trattasi di Fanta-F1.

Alessandro Sala

     Pics ©AlessandroSala

Deja un comentario